Tiscali.it
SEGUICI

Cinque carnevali fra antiche tradizioni e mille sfumature di gusto. Dal Piemonte all'Abruzzo: le tappe

Qui un po' di consigli su come vivere nel mondo più intenso il rito tradizionale di questo periodo dell'anno, e i suoi piatti tipici regione per regione

di In collaborazione con FuoriPorta   
Colori e sapori tipici al carnevale di Santhia (Ansa)
Colori e sapori tipici al carnevale di Santhia (Ansa)

Ci sono i carnevali grandiosi e blasonati, quelli che riempiono i borghi con carri ridondati che commentano e raccontano l'oggi attraverso allegorie non sempre intuitive. Poi ci sono i 5 Carnevali fuoriporta che narrano di maschere e tradizioni, di carri e borghi. Di umanità. Il Piemonte è la terra del carnevale. Qui c'è quello storico e  colossale, è il carnevale di Santhià. Riempie gli animi di bellezza, quella dei carri e delle maschere, ma riempie anche le pance di bontà come la fagiolata, dal 6 al 13 febbraio.

Comincia il tour

Non ci sono aggettivi che meglio caratterizzano l'evento. Storico perchè ci sono documenti rinvenuti presso l’archivio comunale che attestano che già nei primi anni del Trecento a Santhià esisteva un’associazione giovanile laica l’”Abadia” che si occupava di organizzare balli e festeggiamenti in occasione del Carnevale. Colossali sono i numeri a dirlo: 2000 figuranti. Oltre 50 carri allegorici. 50 fuochisti. Migliaia di maschere, ma soprattutto 150 caldaie di rame issate sui trespoli per la Colossale Fagiuolata. 20.000 razioni distribuite. E se la fagiolata è il momento clou dal punto di vista gastronomico, quello che invece maggiormente caratterizza il folklore dell'evento sono due personaggi:  Stevulin dla Plisera e Majutin dal Pampardù. Una coppia di giovani contadini, dice la leggenda, che giunsero in città in viaggio di nozze e ricevettero dal signorotto locale le chiavi della città per governare e amministrare Santhià per tre giorni. Quest’anno sarà il carnevale della riscossa, con nuovi carri e ospiti importanti come Francesca Bergesio, Miss Italia, Chiara Squaglia, inviata di Striscia la Notizia, e Gaetano Triggiano, illusionista di fama internazionale.

Seconda tappa

Sempre in Piemonte c'è il Carnevale di Borgosesia, “Il carnevale di tutti...e per tutti”. Un carnevale dedicato all'inclusione. Le sfilate, da sempre fiore all’occhiello della manifestazione grazie ai grandi e coreografici carri in cartapesta, alle mascherate a piedi e ai gruppi ospiti, sono sempre a ingresso gratuito. Vi sarà la storica Busecca: circa 6.000 razioni del caratteristico piatto a base di trippa. Altra iniziativa di successo è il Magunella Bierfest, un week end all’insegna dell’enogastronomia tipicamente bavarese, che giunge quest’anno alla diciottesima edizione. Immancabile la 171a edizione del Mercu Scûrot, la manifestazione più tradizionale e famosa del Carnevale di Borgosesia, con migliaia di partecipanti tutti rigorosamente in frac e cilindro, a “piangere” la fine del carnevale.

Terza tappa

Paese che vai, tradizione che trovi. Siamo nella provincia di Bolzano, a Salorno, a soli 10 chilometri da Egna. Qui c'è un carnevale speciale, per la storia che ha e per le partecipazioni che porta con sé. Oltre al personaggio principe a renderlo speciale saranno i  due carri di Egna: Schneider fa Neimorkt  - I  sarti di Egna e i Etschurfer fa Neimorkt-  i zatterieri di Egna. Il Carnevale di Salorno è caratterizzato dal Perkeo. Si chiama infatti El Carneval del Perkeo. Le origini di questa sfilata risalgono al XIX secolo, quando a Salorno venne organizzato un Carnevale che si ispirava a quello dell’Egetmann a Termeno. E chi sarebbe Perkeo? Si racconta che Clemens Pankert, oppure Giovanni Clementi detto Perkeo, nacque a Salorno nel 1702, e divenne giullare alla corte di Carlo III Filippo del Palatinato a Heidelberg. Il suo compito principale era quello di guardiano delle botti nelle cantine del Castello di Heidelberg. Il suo nome deriva dalla frase “Perché no?”, risposta che egli dava a chiunque gli offrisse un bicchiere di vino. Si narra che Perkeo morì dopo aver bevuto dell’acqua anziché del vino.

Il giullare Perkeo inaugura, nel periodo del carnevale, l’inizio del suo regno nel paese di Salorno con un grande corteo. 400 persone collaborano e partecipano alla realizzazione della sfilata, con la quale, il sabato di Carnevale, il pittoresco personaggio fa il suo ingresso in pompa magna a Salorno, mentre tre giorni dopo, il martedì grasso, restituisce di nuovo le chiavi al sindaco. E nel paese torna la quotidianità.

Quarta tappa

Ai piedi del Terminillo, nella bella Leonessa, ecco le maschere che allietano il Carnevale del Lazio. Sabato 10 febbraio dalle ore 21 la festa è al Teatrino di San Pietro organizzata dalla Pro Loco. Invece domenica 11 febbraio dalle ore 15,30 sono i più piccini ad essere i protagonisti con ritrovo in piazza 7 Aprile 1944. Il martedì grasso, 13 febbraio è la volta della sfilata dei carri organizzata dai ragazzi leonessani. Leonessa è uno splendido centro adagiato a circa mille metri di quota in un'ampia conca all'interno degli Appennini, ha mantenuto infatti l'aspetto di una cittadina medievale: massicci portici sulla piazza principale, nella quale si trova la bella fontana Farnesiana commissionata da Margherita d'Austria e nobili palazzetti del XVI e XVII secolo testimoniano un fiorente sviluppo economico di Leonessa nel Rinascimento. Tra i suoi monumenti più significativi: le chiese di Santa Maria del Popolo, di San Francesco e San Pietro, nonché il Santuario di San Giuseppe, nativo del luogo e protettore del paese. Momento migliore del Carnevale, per visitarla non ve ne è.

Quinta tappa

Il Carnevale in Abruzzo, nella Marsica è a Ortucchio. Tutti in piazza per il martedì grasso! Sfilano maschere di grandi e piccini e sfila in pompa magna il carro che caratterizza il carnevale del paese dedicato alle False Realtà. È la parrocchia ad averlo realizzato. Il suo significato molto attuale. L’allegoria del carro carnevalesco è legata a un messaggio preciso: nel grande circo della vita odierna, mancano responsabili e ruoli precisi; siamo coinvolti in un grande caos che ci rende “pagliacci”. Guarda intorno a te e ti renderai  conto di essere capitato in un posto magico. Ortucchio è su un maniero costruito su uno sperone roccioso e progettato per vivere in simbiosi con le acque del lago: in Italia c’è solo un altro castello dotato di una darsena interna, quello Scaligero di Sirmione. E poi, che dire delle caratteristiche grotte che circondano il paese? La più importante è quella dei porci, dove tanti anni fa fu rinvenuto un teschio del neolitico.  Luoghi incantevoli per allietare il tuo tempo libero dopo aver visto il carnevale! Non perdere una visita al Castello Piccolomini, ultimato nel 1448 e confinante proprio con il lago prosciugato: potrai raggiungere la parte più alta della struttura, e da lì ammirare tutta la piana del Fucino e il laghetto naturale, con il parco annesso.

di In collaborazione con FuoriPorta   

I più recenti

Gli azzurri del gelato, campioni del mondo dopo la finale a Rimini (dal Facebook della Gelato World Cup/Sigep)
Gli azzurri del gelato, campioni del mondo dopo la finale a Rimini (dal Facebook della Gelato World Cup/Sigep)
E' appena cominciato un anno dedicato alle esplorazioni di cibo e territorio (foto Shutterstock)
E' appena cominciato un anno dedicato alle esplorazioni di cibo e territorio (foto Shutterstock)
Il tarallo napoletano, un piccolo disco volante di assoluta goduria (Foto Shutterstock)
Il tarallo napoletano, un piccolo disco volante di assoluta goduria (Foto Shutterstock)
La preparazione di uno degli eventi a Piobbico (foto Fuoriporta)
La preparazione di uno degli eventi a Piobbico (foto Fuoriporta)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...