Tiscali.it
SEGUICI

Festa della cicerchia: la grande riscoperta di un alimento antico fra mostre, balli e degustazioni

Le piccole e deliziose perle della gastronomia marchigiana protagoniste dell'evento dal 24 al 26 novembre a Serra de' Conti, nella terra del Verdicchio

di In collaborazione con Fuoriporta   
La cicerchia, molto più di una 'piccola parente dei ceci' (Shutterstock)
La cicerchia, molto più di una "piccola parente dei ceci" (Shutterstock)

Sono ricche di proteine, fibre, vitamine e minerali essenziali. Spesso utilizzate in zuppe, stufati, insalate o come contorno. Confuse con i ceci. Sono le cicerchie. Piccole e deliziose perle di terra marchigiana. Crescono nella bella Serra de' Conti, lì dove natura, storia e tradizione diventano un tutt'uno per la ventennale Festa dedicata alla Cicerchia, che come ogni anno, da ben 27, si celebra nell'ultimo fine settimana di novembre. Quest'anno dal 24 al 26.

Le origini antichissime

L'archeologia ci offre traccia della cicerchia già da ben 10.000 anni fa. Egizi, Babilonesi e Romani, vi ci affondavano cucchiaio e forchetta, già ai tempi Le cicerchie rimasero un alimento popolare in Europa anche durante il Medioevo e il Rinascimento. In particolare, in Italia, le cicerchie erano una fonte importante di proteine per le comunità montane. Ed eccoli qui, troneggiano nella festa a loro dedicata dal 24 al 26 novembre a Serra de Conti, nel cuore della terra del Verdicchio, del vino di visciola, dell'allegria, dei valori saldi, come la terra. Dell'umanità che troverete lungo i vicoli di un piccolo borgo lontano dai ritmi frenetici della grande città. Un borgo fuoriporta.

Una grande riscoperta

La Festa della Cicerchia è l'occasione per riscoprire i sapori della memoria, legati a tradizioni e usanze della nostra terra, come viaggio a ritroso nel tempo, ricco di piatti e prodotti tipici che rappresentano veri e propri tesori culinari. Coltivata con tecniche a basso impatto ambientale, la cicerchia è oggi nuovamente posta all’attenzione di gastronomi, ristoratori e amanti della buona tavola, desiderosi di riscoprirne il semplice ma ricco sapore che ben si presta a innumerevoli ricette.

Gli eventi nel centro storico

La festa si svolge nel centro storico di Serra de’ Conti, all’interno delle mura medievali, e si snoda lungo tutte le vie, i vicoli e le piazze del paese, illuminate per l’occasione da ceri e foconi. Su queste vie si aprono le porte delle cantine dove è possibile gustare la cicerchia in varie ricette, a cominciare dalla celebre Zuppa di cicerchia in pagnotta, per poi proseguire con gustose zuppe e passati.

Le degustazioni

Accanto alla “regina” cicerchia, troviamo altri prelibati piatti: i maltagliati, i frascarelli, il guanciale di maiale, la polenta, la pancetta in salmì, i vincisgrassi, lo stoccafisso, le tagliatelle con l’anatra, le cresce, il coniglio in porchetta, lo spezzatino, la trippa, la panzanella, la brustenga, nonché vari dolci preparati con farina di cicerchia, il tutto accompagnato dall’ottimo Verdicchio delle generose colline marchigiane. La cura e l’attenzione che contraddistinguono da sempre la scelta dei piatti e delle ricette proposte rendono la Festa della Cicerchia una manifestazione imperdibile per gli amanti della buona tavola.

Le mostre, i cantastorie, i balli e canti

E dopo aver soddisfatto a volontà il palato, vale la pena fare una passeggiata per le vie del paese alla scoperta delle varie mostre fotografiche e pittoriche, delle lavorazioni di artigianato artistico e del suggestivo Museo delle Arti Monastiche, che per l’occasione resterà aperto con orario continuato. Tutte e tre le serate saranno allietate dalla presenza di cantastorie, artisti di strada, street band e gruppi folkloristici che sfileranno in costume e si produrranno nell’esecuzione di canti e balli tipici.

Per ulteriori informazioni: 

Località: Serra de Conti (AN)
sms a 3408505381
info@fuoriporta.org
www.fuoriporta.org

di In collaborazione con Fuoriporta   

I più recenti

Colori e sapori tipici al carnevale di Santhia (Ansa)
Colori e sapori tipici al carnevale di Santhia (Ansa)
Gli azzurri del gelato, campioni del mondo dopo la finale a Rimini (dal Facebook della Gelato World Cup/Sigep)
Gli azzurri del gelato, campioni del mondo dopo la finale a Rimini (dal Facebook della Gelato World Cup/Sigep)
E' appena cominciato un anno dedicato alle esplorazioni di cibo e territorio (foto Shutterstock)
E' appena cominciato un anno dedicato alle esplorazioni di cibo e territorio (foto Shutterstock)
Il tarallo napoletano, un piccolo disco volante di assoluta goduria (Foto Shutterstock)
Il tarallo napoletano, un piccolo disco volante di assoluta goduria (Foto Shutterstock)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...