Tiscali.it
SEGUICI

Ma quale pasta e pizza: le classifiche dei migliori piatti e le cucine top del mondo. Con i rivali che scavalcano l'Italia

L'edizione aggiornata della guida Taste Atlas campiona specialità e locali in tutti i continenti e pubblica una serie di top 100. Con conferme, e sorprese

di FoodCulture   
Roti Canai, Phat Kaphrao, Picanha, i tre piatti più amati e ricercati del mondo (montaggio da Pexels/Creative Commons)
Roti Canai, Phat Kaphrao, Picanha, i tre piatti più amati e ricercati del mondo (montaggio da Pexels/Creative Commons)

Dimmi dove mangi e cosa e ti dirò chi sei. Di più: quanto vali. E per farlo, la guida Taste Atlas passa al setaccio i piatti, le specialità, la qualità delle cucine e dei ristoranti di tutto il mondo. Pubbicando poi le sue celebri classifiche su tutto il meglio da non perdere. L'ultimo aggiornamento della guida (completamente disponibile qui in inglese) mostra qualche conferma ma anche alcune sorprese. Per andare dritti al punto, quali sono le migliori cucine del mondo? Su questo fronte l'Italia si è posizionata alla grande, la cucina del Belpaese si è piazzata al primo posto a pari merito con quella giapponese, poco sotto ecco una sorprendente cucina portoghese. Il nostro Paese è dunque ancora il paradiso del grande cibo, delle preparazioni che tutti ci invidiano e del gusto che gli altri possono solo invidiare? Diciamo che la questione è più complessa di così, come dimostrano le altre classifiche.

Il primato del brasile

Quando ci si sposta sulla classifica di Taste Atlas che riguarda i piatti più ricercati e premiati del mondo, ecco che l'Italia che pure ha da giocarsi "calibri" pesanti come pasta e pizza, scivola fuori dal podio. A sorpresa, il piatto preferito dai consumatori di tutto il mondo (e adeguatamente segnalato anche dagli esperti della buona cucina) è la Picanha, il particolare taglio di manzo preparato alla maniera brasiliana, con forma di solito triangolare e affrontata in vario modo alla griglia. Seconda piazza per la Roti canai, molto popolare in Malaysia e consumata in gran parte del Sudest Asiatico. Si tratta di una particolare focaccia con acqua, farina, burro e uova che viene fatta cuocere in padella finché resta croccante fuori e morbida dentro. La si può abbinare a varie altre pietanze e insaporire con salse e creme. Terzo posto per la Phat kaphrao della cucina thai, un frittura con macinato di carne e frutti fi mare molto speziata e servita di solito con riso e uova fritte. L'Italia arriva quarta con la pizza e ritorna undicesima in classifica (che comprende 100 posizioni per categoria) con le Pappardelle al cinghiale. Nelle classifiche di Taste Atlas vanno benissimo anche le cucine e alcune specialità di Grecia, Giappone e Messico.

I migliori locali

Quali sono i ristoranti più "iconici" del mondo? E con questo termine critici e clienti intendono non solo la bontà della cucina ma anche la bellezza del luogo e la qualità dell'accoglienza. Anche qui sorpresa, vince l'Austria che si porta a casa il primo posto con il Figlmüller di Vienna, gestito dalla stessa famiglia da oltre un secolo, seconda piazza tutta italiana per la celebre pizzeria Da Michele a Napoli, resa celebre anche dal film Mangia, prega, ama, con Julia Roberts. Terzo posto per la Germania l'Hofbräuhaus München a Monaco di Baviera, un ristorante attivo da cinque secoli. Fra le città italiane, spiccano Roma, Bologna e Napoli, e tornano nomi celebri come i ristoranti e le pizzerie di Sorbillo a Napoli, Roscioli e Da Enzo nella Capitale e la Trattoria della Gigina nel capoluogo emiliano. 

Leggi anche: di cosa parliamo quando parliamo di Nutella vegana

 

 

 

 

 

di FoodCulture   

I più recenti

La vernaccia nera di serrapetrona (foto Alessandroni da Wikipedia/CC) e il Lago di Caccamo, gioiello della zona (Wikipedia)
La vernaccia nera di serrapetrona (foto Alessandroni da Wikipedia/CC) e il Lago di Caccamo, gioiello della zona (Wikipedia)
Francesco Cambria, presidente del Consorzio Etna Doc (foto V. F.)
Francesco Cambria, presidente del Consorzio Etna Doc (foto V. F.)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...