Tiscali.it
SEGUICI

Food foraging, il nuovo trend: come raccogliere solo il meglio dalla natura e usarlo in cucina

Una pratica antica riscoperta in tutto il mondo con grande piacere: armonia con l'ambiente, sapere alimentare ed eccellenza nel piatto

Lucia Arlandini di Lucia Arlandini   
Il foraging è una meraviglia ma ha le sue regole precise (montaggio da Shutterstock)
Il foraging è una meraviglia ma ha le sue regole precise (montaggio da Shutterstock)

Mangiare correttamente significa conoscere, informarci per acquisire consapevolezza e, di conseguenza, applicare un nuovo approccio alla nutrizione. La volontà di limitare i consumi, riciclare gli avanti, valorizzare ingredienti considerati umili e assumere delle abitudini alimentari sane, sono alla base di una cucina spontanea e naturale; se la pandemia ci ha insegnato qualcosa è quanto riconnetterci con la natura sia fondamentale per il nostro benessere psico-fisico.

I nuovi trend non sono mai stati così "antichi"

Il ritorno al passato e alla natura sono due elementi chiave delle nuove tendenze alimentari ed il trend che meglio incarna questi concetti è il food foraging, ovvero la pratica di raccogliere erbe, piante, bacche, fiori, licheni, funghi, foglie e cortecce degli alberi, ma anche alghe, a seconda che si pratichi in campagna, in un bosco alpino o in mare. Un modo innovativo di cucinare, recuperando le tradizioni del passato e le materie prime selvatiche del territorio. Queste tendenze alimentari e questo ritorno alla natura ovviamente interessano anche il mondo della ristorazione e in primis gli chef stellati.

Il "Noma" prima della sua crisi: il foraging al centro della cucina

Da diversi anni ormai molti chef hanno basato la loro ricerca gastronomica sul foraging, mettendo in luce particolarità locali e stagionali. Primo fra tutti Rene Redzepi, lo chef del Noma di Copenhagen (che ora chiude e si reinventa, lo abbiamo scritto qui) tanto che nel suo paese di origine vi sono app scolastiche per educare fin da piccoli i ragazzi a procurarsi il cibo in maniera più naturale e sostenibile.

Dalle cucine degli chef stellati a casa nostra il passo è breve; in circolazione ci sono diversi ricettari sulla cucina con erbe selvatiche e corsi, non solo online, sul foraging.

Attenzione a seguire qualche regola semplice:

· raccogliere solo quello che serve essendo consapevoli di quello che raccogliete

· non calpestare specie non edibili per l’uomo ma importanti per l’ecosistema

· non sradicare mai le piante, ma tagliarle delicatamente lo stelo appena sopra la radice, così da permetterne la ricrescita

· prelevare parti di corteccia solo da alberi caduti

Che iniziate a praticare il foraging oppure no, ricordatevi che in ogni caso una cucina naturale è sinonimo di consapevolezza della qualità che mettiamo nel piatto, di abbandono delle cattive abitudini e scelta mirata degli alimenti stagionali, magari, dopo una bella camminata in natura!

Lucia Arlandini di Lucia Arlandini   
I più recenti
La vigna, destinata a cambiare, e la protesta degli agricoltori in Francia (Shutterstock)
La vigna, destinata a cambiare, e la protesta degli agricoltori in Francia (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Bud Spencer e Terence Hill nel film di Trinità. A destra, i Fagioli alla Bud (dal sito Bud Power)
Bud Spencer e Terence Hill nel film di Trinità. A destra, i Fagioli alla Bud (dal sito Bud Power)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...