Le cose che dovresti sapere del miele e della "melata", con una sorpresa finale

E' una delle materie prime naturali più utilizzata in alimentazione e cosmetica da secoli. Ecco alcuni dettagli delle sue proprietà, e un accostamento inedito

Miele: le cose che sappiamo, e quelle che non
Miele: le cose che sappiamo, e quelle che non

Da sempre il miele è legato all'immagine di gradevolezza, dolcezza, basti pensare all'etimologia di “luna di miele”, il primo periodo della vita coniugale. Usanza che risale ai tempi degli antichi romani quando si cospargeva la soglia dei novelli sposi con gocce di miele.nIl miele nell'alimentazione non è una scoperta dei dietologi moderni ma risale ai tempi della preistoria, rimane infatti il più antico dolcificante naturale mai usato.

Le diverse qualità di un prodotto naturale utilizzatissimo

Una delizia utilizzata in tutte le civiltà

Usato in alimentazione perchè ricco di proprietà nutrizionali, per guarire o per invocare gli dei come al tempo degli antichi egizi, o ancora come maschera di bellezza o rimedio contro il mal di gola. Il miele è quindi un eccellente dolcificante naturale le cui caratteristiche dipendono dai fiori e dal periodo in cui viene prodotto; contiene glucosio, fruttosio, sali minerali, enzimi e sostante naturali.

Gusto, aspetto e conservazione: attenzione ai dettagli

Cos'è la "melata"

La sua particolare composizione lo porta a cristallizzarsi dopo circa 6/8 mesi ma è un fenomeno del tutto naturale e indice di bontà; basta lasciare il barattolo a bagnomaria per qualche minuto a una temperatura non superiore ai 45 gradi. Per curiosità vi cito la melata, che è lo stesso una elaborazione delle api che la producono che raccolgono e utilizzano le secrezioni zuccherine delle foglie soprattutto agrumi e abeti. Il miele è quindi uno dei prodotti naturali per eccellenza, un alimento inconfondibile ma anche dotato di un grande apporto nutrizionale, basti pensare che 100 g di prodotto forniscono 400 Kcal.

Api: sono loro a fare il miele, e si stanno estinguendo

L'uso ideale, e un accostamento sorprendente

Ideale quindi per essere consumato al mattino o dagli atleti prima di una gara, sconsigliato agli obesi e ai bambini nel primo periodi di vita per evitare problemi allergenici.

Il miele non renderà immortali quindi ma dona carattere e sapore a moltissime pietanze e molti chef lo utilizzano in contrasto con piatti salati, come carni salate. Provate a stupire i vostri ospiti servendo un bel filetto di maiale con sopra del miele e delle mandorle croccanti e fatemi sapere.

Le ricette visual di Lucia Arlandini