Tiscali.it
SEGUICI

Tutti pazzi per il miele di Manuka: cos'è e perché occorre prestare molta attenzione alla sua "leggenda"

Negli ultimi mesi se ne parla e scrive come di un autentico "super food" che avrebbe anche proprietà mediche e guaritrici. Stop esagerazioni, ripartiamo dai dati

di FoodCulture   
Miele e fiori di Manuka, i nuovi le nuove 'stelle' fra i cibi trendy del momento (Shutterstock)
Miele e fiori di Manuka, i nuovi le nuove "stelle" fra i cibi trendy del momento (Shutterstock)

La notizia che Nole Djokovic, a lungo numero uno del tennis mondiale, ne faccia il centro della sua alimentazione è solo la punta dell'iceberg. Perché al di là della dieta specialissima che segue un atleta, che nulla ha a che fare con il modo di mangiare delle persone comuni, la scoperta del miele di Manuka è un trend in grandissima ascesa da mesi. C'è chi lo tratta da super food, nome anche questo molto di tendenza ma che non si è capito bene a cosa debba corrispondere, se non al mondo degli Avengers. Torniamo su questa terra, alle proprietà delle materie prime alimentari, e cerchiamo di capire meglio perché questo particolarissimo miele sta godendo di un autentico boom. E in cosa è diverso dagli altri.

Miele e melata: le cose da sapere, con sorpresa finale. L'approfondimento

Direttamente dall'Oceania

Il miele di Manuka viene prodotto in Australia e Nuova Zelanda, ricavato dal nettare della pianta che gli dà il nome e che appartiene alla famiglia delle mirtacee. E' un sempreverde che ripopola rapidamente anche zone ambientali deforestate o danneggiate, i Paesi dell'Oceania che ne hanno fatto un prodotto di punta della loro esportazione ne hanno incrementato visibilità e produzione negli ultimi anni. Il miele di Manuka ha una consistenza particolarmente collosa, un colore giallo-marrone, gusto dolce che lascia un retrogusto gradevolmente amarognolo e un profumo che sa di minerali ed oli essenziali. E' un'autentica bomba di energia (300 Kcal per un etto di prodotto) che può sostituire lo zucchero bianco come dolcificante con una riduzione fino al 30% di calorie. Ma avendo un potere dolcificante minore, bisogna usarlo in quantità moderate. 

Le proprietà "guaritrici": occhio a non esagerare

La dose consigliata di miele di Manuka non dovrebbe eccedere un cucchiaino al giorno. Lo si può usare in tutti i modi in cui inseriamo altri tipi di miele nella nostra dieta. Ciò che va affrontato con grande cautela è la fama di medicina naturale che si è creata attorno a questo miele, che sarebbe un antimicrobico, un antinfiammatorio e un "unguento" per guarire bruciature e altri tipi di piaghe della pelle. Non c'è ancora abbastanza letteratura scientifica per confermare la bontà terapeutica del miele di Manuka, ma esistono studi sul suo impiego, i dati sono episodici e incompleti. Per cui, scrivere che aiuterebbe a curare tumori, ridurre il colesterolo alto e guarire infezioni gastrointestinali è decisamente esagerato e prematuro. E lasciamo perdere la suggestiva etichetta di storytelling super food. E' un miele intenso, colloso, molto aromatico ed energetico. Differente dagli altri. Va già benissimo così. 

Cosa sono i "super food" e perché non hanno nessun superpotere. Leggi qui

di FoodCulture   
I più recenti
La vigna, destinata a cambiare, e la protesta degli agricoltori in Francia (Shutterstock)
La vigna, destinata a cambiare, e la protesta degli agricoltori in Francia (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Bud Spencer e Terence Hill nel film di Trinità. A destra, i Fagioli alla Bud (dal sito Bud Power)
Bud Spencer e Terence Hill nel film di Trinità. A destra, i Fagioli alla Bud (dal sito Bud Power)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...