Perché li amiamo e li detestiamo: tutto ciò che dovresti sapere sui piselli

Adorati da chi apprezza il sapore delicato e dolce, molto versatile, disprezzati da chi li accusa di provocare gonfiore e dolori. C'è molto altro da scoprire

E' la loro stagione (Foto Shutterstock)
E' la loro stagione (Foto Shutterstock)

I piselli sono una varietà di legumi molto apprezzata in Italia, presenti tutto l’anno sia surgelati che in scatola, ma è in primavera e estate che si raccolgono freschi. Questi legumi hanno un’origine antichissima, anzi pare che siano i primi legumi ad essere coltivati dall’uomo, circa 10000 anni fa nella zona tra la Siria e l’Anatolia.

Perché li amiamo

Trionfano sulle tavole italiane non solo per il loro sapore delicato e dolce, che è molto versatile in cucina, ma anche per il loro apporto nutrizionale e le proprietà terapeutiche. Tra i legumi sono i meno calorici (solo 52 kcal ogni 100 grammi) sono poveri di grassi e quindi consigliati a chi segue un regime alimentare finalizzato alla perdita di peso. Ciò che li distingue è sicuramente il loro contenuto di acqua variabile tra il 72 e l’80%; inoltre è alto il contenuto di proteine e glucidi e sono soprattutto una miniera di acido folico adatto per le donne in gravidanza.

Zuppa con altre verdure, uno dei modi di prepararli e gustarli (Shutterstock)

Perché c'è chi li odia, e sbaglia

Non danno problemi di aerofagia come gli altri legumi ma sono degli ottimi antiossidanti sconsigliati invece, per la loro elevata quantità di purine, a chi soffre di gotta. Per molti secoli sono stati il simbolo di fecondità, ricchezza e fortuna: pensate che ai tempi della Serenissima durante il discorso annuale nel giorno di San Marco, il doge era solito presentarsi con in mano una ciotola di “risi e bisi” con lo scopo di augurare felicità e ricchezza al suo popolo. Se mancavano i piselli sulle tavole dei veneziani, era l’unico motivo per cui potevano commerciare con la Repubblica marinara di Genova, da sempre acerrima nemica storica.

Anche nella cucina gourmet c'è posto per loro (Foto Shutterstock)

I legumi e il Dna 

Lo sapevate che lo studio dei piselli suggerì a Gregor Mendel (1822-1884) la teoria dell’ereditarietà? Lo scienziato, attraverso esperimenti di fecondazione artificiale su migliaia di piante di pisello, durati quasi dieci anni, formulò le osservazioni sulla trasmissione genetica, valide per tutti gli organismi animali e vegetali a struttura cellulare: le famose Leggi di Mendel.

Quindi approfittate di questa stagione per fare scorpacciata di piselli perché come dice il detto: “Piselli e fiori sono belli solo quando son infanterelli”.