Tiscali.it
SEGUICI

Il rito della colazione dimenticato: 200 alimenti fra cui scegliere. Gli errori e le variazioni

Il 70% degli italiani ama farla fuori casa, come ti sposti trovi usanze diverse e anche errori alimentari. In giro per il mondo, poi. Vediamoli tutti

Lucia Arlandini di Lucia Arlandini   
Caffé, marmellate, dolci, salumi e uova? C'è l'imbarazzo della scelta (Foto Shutterstock)
Caffé, marmellate, dolci, salumi e uova? C'è l'imbarazzo della scelta (Foto Shutterstock)

La colazione dovrebbe essere il pasto principale dopo una nottata di riposo per riattivare il metabolismo con una funzione regolatrice di fame e sazietà. Secondo le linee guida nazionali e internazionali alla colazione bisognerebbe dare un apporto calorico del 20% circa di tutta la quota calorica giornaliera. Il che ci porta al primo errore da non commettere, che è proprio quello che fanno molte persone: non fare colazione.

Un rito che fa bene alla mente e al corpo

Il consumo regolare della prima colazione, con attenzione ai cibi che la compongono, riduce il rischio cardiovascolare, contribuendo ad abbassare i livelli di colesterolo e aiuta a prevenire il rischio di sviluppare patologie metaboliche come il diabete. La varietà della prima colazione è espressione di usi, costumi, condizioni climatiche e culture diverse; parliamo di oltre 200 alimenti e ricette possibili. In Italia la colazione è molto varia; ben il 70% della popolazione preferisce farla fuori di casa, può essere dolce e salata. La colazione dolce italiana prevede latte o yogurt, torte o brioche; se salata l’italiano medio punta su succo di frutta, e panino o toast farcito con formaggio e prosciutto.

Giro del mondo

Anche la colazione francese è molto simile alla nostra: al caffè o the si accompagna la baguette fragrante con burro e marmellata, o il famoso e goloso pain au chocolate o il pain aux rasins, un dolce di pasta brioche con l’uva passa. I greci a differenza di noi preferisco mangiare a casa l’immancabile yogurt greco, denso e cremoso, con miele e frutta secca. Alla colazione dolce la Spagna affianca quella salata a base di pan y tomate, pane e polpa di pomodoro condito di olio e sale. Spostandosi verso il nord, sale il consumo di pietanze grasse. In Germania il primo pasto della mattina prevede formaggio, prosciutto, pancetta, salsiccia e uova accompagnato da pane di vario genere con l’accompagnamento del noto Apfelsaft, il succo di mele.

Sempre più a Nord

Trionfo del salato anche per l’Inghilterra con fagioli e pomodori, uova, funghi, frittelle di patate e black pudding, una specie di salsiccia fatta con sangue di maiale; a questo tripudio aggiungiamo anche pancake più sottili di quelli americani che vengono serviti con la marmellata. Nei Paesi scandinavi la colazione è molto diversa dal nostro abituale e il pesce diventa l’ingrediente basilare; aringa affumicata e salmone vengono consumati all’inizio della giornata anche per contrastare le temperature e si mangiano insieme a salumi e formaggi e i pancake.

Ovunque voi siate quindi non dimenticate di fare colazione e osate con nuovi abbinamenti, e se non siete amanti del salato al mattino presto magari cercate di integrare con cereali e fibre che hanno un rilascio lento ed evitano picchi glicemici. Occhio all'eccesso di zuccheri e grassi.

Buongiorno e buona colazione!

Lucia Arlandini di Lucia Arlandini   

I più recenti

Pasta in bianco ma gourmet, follower impazziti su TikTok e oltre. A destra l'ideatore, chef Alberto Quadrio (dal suo Facebook)
Pasta in bianco ma gourmet, follower impazziti su TikTok e oltre. A destra l'ideatore, chef Alberto Quadrio (dal suo Facebook)
Quattro dei gioielli del gourmet dolce delle feste
Quattro dei gioielli del gourmet dolce delle feste
Un momento del video che ha innescato le polemiche (da Instagram)
Un momento del video che ha innescato le polemiche (da Instagram)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...