Tiscali.it
SEGUICI

Perché ci fa sentire tanto felici: i poteri speciali e le variazioni del gelato

Non solo la scelta dei gusti preferiti, è un vero e proprio rito personale e sociale. Con varianti sorprendenti che conquistano nuove fette di mercato

Lucia Arlandini di Lucia Arlandini   
Gelato in cono o coppa: comincia il rito (Foto Shutterstock)
Gelato in cono o coppa: comincia il rito (Foto Shutterstock)

Il cibo che di più caratterizza l’estate è il gelato, ma è perfetto in tutte le stagioni e io vi dirò tutti i motivi. Le tipologie di gelato in commercio sono infinite: alla crema, con vera polpa di frutta o per i più sfiziosi con cioccolato fondente, bianco, pistacchi e mandorle e così via.

Quando è veramente artigianale e quando no: l'approfondimento

Quando la dose è giusta

Se consumato nelle giuste quantità all’interno di una dieta varia e bilanciata, il gelato è un alimento che può essere consumato senza troppi sensi di colpa per la nostra linea: può apportare 100 Kcal per gusti alla frutta  circa 300 kcal per nocciola o cioccolato ad esempio. E' un alimento completo che può sostituire il pranzo nelle giornate più calde o frettolose o addolcire colazioni e merende.

Sapere quel che mangiamo

E' fonte di proteine ad elevato valore biologico; di zuccheri a rapido assorbimento che danno energia di pronto utilizzo e sono presenti anche vitamine e aali minerali che variano a seconda del gusto del gelato che si sceglie. Se poi aggiungiamo il cono o una cialda, che sono a base di cereali, la composizione nutrizionale del gelato si arricchisce di amido, diventando più completa.

Non trascurate anche la quantità di acqua poiché il gelato è in realtà un liquido portato allo stato solido. Al di là del piacere dovuto alle caratteristiche organolettiche c’è anche un aspetto psicologico, una vera e propria coccola: il gelato infatti fa bene all’umore e trasmette piacere psicofisico.

C'è la crisi ma tutti vogliono il cono da 650 euro: l'approfondimento

Perché ci fa sentire tanto felici

La forte sensazione di piacere e felicità è riconducibile sicuramente alla sua consistenza soffice e cremosa ma anche ai ricordi giovanili, quando la stagione corrispondeva a quella della fine della scuola, alle vacanze e alle scorribande con gli amici. Il gelato produce quindi benessere, energia, vitalità e voglia di vivere ma il suo bello è anche che crea aggregazione e momenti di svago perché si sa che è più bello mangiarlo in compagnia!

Gusti sempre più sperimentali

Inoltre è perfetto per essere gustato da tutti: alimento sano per i bambini, magari da preferire alle merendine confezionate, ottimo per gli adolescenti, momento di pausa per gli adulti e facile da mangiare anche per gli anziani. Se siete degli amanti dei nuovi confini culinari potete sempre provare i nuovi gusti che entrano prepotentemente nei ristoranti come al peperone, parmigiano, birra o cipolla.

E allora che aspetti…ci andiamo a prendere un gelato?

Lucia Arlandini di Lucia Arlandini   

I più recenti

Pasta in bianco ma gourmet, follower impazziti su TikTok e oltre. A destra l'ideatore, chef Alberto Quadrio (dal suo Facebook)
Pasta in bianco ma gourmet, follower impazziti su TikTok e oltre. A destra l'ideatore, chef Alberto Quadrio (dal suo Facebook)
Quattro dei gioielli del gourmet dolce delle feste
Quattro dei gioielli del gourmet dolce delle feste
Un momento del video che ha innescato le polemiche (da Instagram)
Un momento del video che ha innescato le polemiche (da Instagram)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...