Tiscali.it
SEGUICI

"Le donne bevono vino perché insicure e per darsi un tono". E la wine influencer smonta le sparate della Boralevi

Davvero il consumo di questo alcolico è questione di genere e di un sentimento di inferiorità? Cristiana Lauro risponde in dettaglio alla giornalista

di FoodCulture   
Antonella Boralevi (Ansa) e Cristiana Lauro (Instagram)
Antonella Boralevi (Ansa) e Cristiana Lauro (Instagram)

A quanto pare esiste una discriminante gender e tutta femminile sugli effetti e gli usi dell'alcol. In particolare, del vino. Ha avuto una certa eco il discorso sul perché le donne bevono vino, fatto come ospite di Tg2 Post da Antonella Boralevi, scrittrice, giornalista e opinionista. Interrogata sul rapporto fra il mondo femminile, la Boralevi ha detto: "Forse conviene guardare le cose un po' in faccia. Noi donne abbiamo fatto e conquistato tante cose, però c'è dentro di noi un sentimento, temo sia qualcosa di genetico: noi non ci sentiamo quasi mai all'altezza". Perciò, secondo l'opinionista: "Le donne bevono come un tempo si fumava una sigaretta, per darsi un tono. Ecco, noi non abbiamo bisogno del bicchiere di vino per sapere di essere persone di valore, come voi uomini. Soprattutto, direi, una piccola dose e mai bere da sole, in casa".

La risposta della wine influencer Lauro

Nella stessa trasmissione si è anche parlato della minore presenza dell'enzima delle catalasi nelle donne, che le renderebbe meno resistenti al vino. Con sottolineatura della Boralevi: "Ecco, anche la scienza conferma". Di fronte alla sicumera con cui sono state spacciate per verità queste pure e discutibili opinioni personali è intervenuta Cristiana Lauro, wine influencer e critica specializzata del settore eno che ha replicato su tutta la linea. Sulle pagine di Gambero Rosso, Lauro scrive: "Siamo di fronte alla solita storia: noi donne consumiamo vino per questioni di inadeguatezza, per disinibirci. Secondo qualche opinionista (ripeto, autorevole quanto basta), beviamo per aprirci al prossimo; forse per stringere nuove amicizie e apparire brillanti, se non per vincere il pudore di confidare alle amiche che nostro marito non ci sfiora da anni e quando cede alla chimica non lo fa con noi, aggiungo io. Tutte sciocchezze". Poi la chiusa: "I maschi e le femmine bevono per ragioni assolutamente identiche nonché per il sano piacere di assaporare un calice di vino buono e spesso per conoscerne le origini e la storia, perché il vino è un prodotto culturale, ricordiamolo a chi parla a vanvera!"

I 92 anni di Cipriani dell'Harry's Bar: "Faccio sesso, lei ha 40 anni di meno, e guido a 200 all'ora". Leggi qui

di FoodCulture   

I più recenti

La vernaccia nera di serrapetrona (foto Alessandroni da Wikipedia/CC) e il Lago di Caccamo, gioiello della zona (Wikipedia)
La vernaccia nera di serrapetrona (foto Alessandroni da Wikipedia/CC) e il Lago di Caccamo, gioiello della zona (Wikipedia)
Vinitaly 2024, un'ottima annata (Foto V.F.)
Vinitaly 2024, un'ottima annata (Foto V.F.)
Il ministro Francesco Lollobrigida (Ansa), a destra, un gruppo di giovani con vari tipi di vino (Pexels)
Il ministro Francesco Lollobrigida (Ansa), a destra, un gruppo di giovani con vari tipi di vino (Pexels)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...