Tiscali.it
SEGUICI

Cosa ho bevuto e quanto ho esagerato: le nuove etichette con codice Qr "parlano" e svelano tutto

Dal dicembre 2023 è entrato in vigore il regolamento comunitario che impone la nuova etichettatura, al centro di resistenze e proteste. Come funziona

di FoodCulture   
Nuove informazioni per il cliente e sul cliente. Capiamo come (Shutterstock)
Nuove informazioni per il cliente e sul cliente. Capiamo come (Shutterstock)

Alla fine ci siamo arrivati tutti. La lunga protesta della filiera del vino e la polemica peggiorata dalla costrizione a rifare pert due volte di seguito le nuove etichette sulle bottiglie dei vini a causa della poca chiarezza delle indicazioni Ue (leggi qui) ha solo rallentato un percorso. Che ora diventa un inizio ufficiale: dall'8 marzo 2024 tutte le bottiglie dovranno riportare in etichetta non solo la lista degli ingredienti di ogni vino, ma anche la tabella nutrizionale a comprendere le calorie assunte ad ogni bicchiere. Ed eventuali allergeni, con una lista dettagliata che va molto oltre il caro vecchio contiene solfiti.

Cosa svelerà a noi e cosa rivelerà di noi

Nelle nuove etichette sarà presente anche un codice Qr. Che non solo porterà il consumatore che lo scannerizza ad avere informazioni preziose per la sua salute (se ad esempio fra gli agenti acidificanti è presente l'acido lattico). E gli rivelerà se sono stati usati i mosti rettificati (al centro dell'inchiesta di Report che ha avuto grande eco e fatto infuriare il ministro Lollobrigida, leggi qui) o il caramello per dare corpo e gusto ai vini liquorosi. Ma la domanda è: se il vino si fa con mosto d'uva e poco altro, che senso questa ossessione per l'etichetta parlante e il codice Qr

Ho esagerato? Me lo dirà l'etichetta

L'onda salutista europea va sempre più in dettaglio si è concretizzata nel regolamento europeo 2117/21 che è entrato in vigore l'8 dicembre scorso ed è stato prorogato all'8 marzo. Un'ulteriore proroga ne ha spostato la data di applicazione al 30 giugno 2024. E quindi nell'ottica istituzionale di aiutare il singolo consumatore e cittadino europeo a bere responsabilmente, le informazioni nelle nuove etichette e nel codice Qr indicheranno quante kilocalorie introduce nell'organismo ogni bicchiere di vino bevuto e il residuo zuccherino nel calice. Insomma, l'etichetta mi parlerà di come è stato prodotto ogni singolo vino e pure delle mie buone o cattive abitudini di bevitore/trice. E stavolta non si scappa: l'etichettatura imposta dall'Ue vale per tutti i vini prodotti dall'8 dicembre 2023. Quelli messi sul mercato prima hanno ancora le vecchie etichette essenziali, e concedono un po' di libertà e inconsapevolezza in più a chi stappa e versa. 

Leggi anche: L'Ue, il vino "cancerogeno" e le etichette da rifare, scoppia la protesta: "Buttati via milioni"

 

 

di FoodCulture   
I più recenti
Immagine generata con l'Intelligenza Artificiale
Immagine generata con l'Intelligenza Artificiale
La vernaccia nera di serrapetrona (foto Alessandroni da Wikipedia/CC) e il Lago di Caccamo...
La vernaccia nera di serrapetrona (foto Alessandroni da Wikipedia/CC) e il Lago di Caccamo...
Antonella Boralevi (Ansa) e Cristiana Lauro (Instagram)
Antonella Boralevi (Ansa) e Cristiana Lauro (Instagram)
Vinitaly 2024, un'ottima annata (Foto V.F.)
Vinitaly 2024, un'ottima annata (Foto V.F.)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...