Tiscali.it
SEGUICI

Sognare non costa niente, mangiare da Cannavacciuolo e gli altri per le feste sì. Le loro proposte e i prezzi

Natale si avvicina e si pensa già al Capodanno. Chi è che almeno una volta non ha desiderato sedersi al loro tavolo? Ecco un minitour deluxe

TiscaliNews   
Cannavacciuolo, Cracco, Locatelli: essere 'viziati' da loro è un'esperienza. In tutti i sensi (foto dai siti ufficiali)
Cannavacciuolo, Cracco, Locatelli: essere "viziati" da loro è un'esperienza. In tutti i sensi (foto dai siti ufficiali)

Natale con i tuoi e Capodanno da sognare in uno dei meravigliosi hotel e resort dove trovi la cucina dei grandi chef. Almeno una volta tutti abbiamo immaginato o pensato come debba essere affidarsi alle mani di Cracco, Alajmo, Locatelli o Cannavacciuolo per un a serata evento a tavola. E se sognare non costa niente, ecco invece cosa propongono per il fine anno le star dell'alta cucina. E a quale prezzo.

Hai 450 euro che ti scocciano in tasca? Partiamo da qui

Antonino Cannavacciuolo è uno dei nomi più amati dal grande pubblico e viene da una striscia impressionante di successi personali tanto in tv che in cucina dove non sono passati troppi mesi dalla tripla stella Michelin. Il menu del suo Villa Crespi propone fra l'altro al caviale, scampi di Sicilia, sedano rapa e frutto della passione, linguine ai calamaretti, riso all’aringa affumicata, branzino alla barbabietola, testacoda di manzo e dessert a sorpresa, e costa 450 euro a testa bevande escluse. Come dite? Troppo. Non c'è problema, è già tutto esaurito. E il suo ex collega a MasterChef Carlo Cracco?  Non fa sconti col suo menu in galleria a Milano da 1000 euro a persona. A comprendere: Insalata russa, caviale e argento, Alga nori croccante, trota reale affumicata, limone e capperi, Cocktail di scampi, radicchio e melagrana, Polentina di Biancoperla e tartufo, tuorlo candito e gorgonzola dolce, Sogliola alla mugnaia, uova di salmone e acetosella, Ravioli di cotechino e bietola con salsa al rafano e noci, Cervo in crosta, funghi e frutti rossi, Meneghina di Capodanno, lenticchie alla vaniglia e zabaione al rhum. Se vuoi i vini abbinati il prezzo sale di 500 euro a ciascuno.

Alajmo per sette, Pinchiorri e gli altri

I fratelli Alajmo si sono fatti in sette: nel loro InGredienti si paga in base alle preparazioni da asporto scelte, costano 170 euro le degustazioni alle Cementine, si sale a 500 euro a persona da Alajmo Cortina, su torna ai 170 euro al Calandrino, poi impennata a 220 euro per persona da Amo, 450 euro alle Calandre e il top con i menu da 650 euro al QuadriEnoteca Pinchiorri è un altro brand pluripremiato del fine dining in Italia e propone la sua garbata rivisitazione degli ingredienti tradizionali, quindi lenticchie, capitone e cotechino a 590 euro a persona bevande escluse. La Langosteria propone polenta, baccalà mantecato e caviale ai Paccheri con aragosta royale, Vacherin con passion fruit e mango, netto a pagare 250 euro a persona. Ma pure qui si apre al menu alla carta e il prezzo scende a 160 euro a persona nelle varie sedi di questo marchio d'eccellenza, da Milano a St. Moritz fino a Parigi.

Un finale davvero deluxe

Naturalmente sarebbero molti altri gli appuntamenti d'eccellenza da segnalare, questo che facciamo è un giro di assaggi che vale come grande aperitivo dell'immaginazione. Giorgio Locatelli nella sua Locanda a Londra punta su un menu da 300 euro a ciascuno, con tra gli altri insalata di piedino di vitello, mostarda di Cremona, Calamarata in guazzetto di gallinella di mare, peperoncino e mandorle, Cipolla arrosto, uovo, fonduta di taleggio, funghi misti selvatici e tartufo bianco e fra i dolci i cannoli siciliani. Finale di questo nostro piccolo viaggio fra le feste gourmet e i grandi chef, a tutto deluxe. Con l'Imago Restaurant dell'Hotel Hassler di Roma. Questa la sua fomula: per 4000 euro chef Andrea Antonini serve fra gli altri: barbabietola, panna acida e caviale; scampo al pepe verde, battuta di fassona, nocciole e tartufo bianco, spaghetti ai ricci di mare affumicati e pecorino, enticchie col cotechino, agrumi, zafferano e polline. Da abbinare il calice di Champagne oppure una serie di rarità eno

 

TiscaliNews   
I più recenti
Da sinistra: Leclerc e la sua nuova vita da gelataio e alcuni rivali che hanno appena debuttato...
Da sinistra: Leclerc e la sua nuova vita da gelataio e alcuni rivali che hanno appena debuttato...
Buitoni e Nestlé, i marchi imputati che ora vanno a processo (montaggio da Shutterstock)
Buitoni e Nestlé, i marchi imputati che ora vanno a processo (montaggio da Shutterstock)
Gelato, vacanza, selfie, la combinazione perfetta per moltissime persone (Shutterstock)
Gelato, vacanza, selfie, la combinazione perfetta per moltissime persone (Shutterstock)
Benito Nonino al lavoro alla distillazione della grappa (montaggio da Facebook/Nonino e Shutterstock)
Benito Nonino al lavoro alla distillazione della grappa (montaggio da Facebook/Nonino e Shutterstock)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...