Tiscali.it
SEGUICI

I cibi che infiammano il cervello e danneggiano la memoria fino alla demenza. I nuovi dati

Gli studi sugli ultraprocessati proseguono e dopo i dati sui ratti arrivano quelli sugli umani. Ma quali alimenti? Fra loro anche alcuni "insospettabili"

TiscaliNews   
Patatine, alette di pollo, bevande zuccherate. Ma gli ultraprocessati dannosi sono anche altrove (Foto Shutterstock)
Patatine, alette di pollo, bevande zuccherate. Ma gli ultraprocessati dannosi sono anche altrove (Foto Shutterstock)

Avevamo scritto in questo approfondimento sui cibi definiti ultraprocessati, e di come il loro consumo avvii infiammazioni cerebrali che hanno come esito finale il danneggiamento della memoria. Gli studi su questi alimenti, molto usati e popolari, proseguono a chiarire ulteriormente i danni alla salute che producono. La maggiore novità è lo studio pubblicato di recente nel Regno Unito, con i dati provenienti da 72mila persone, che evidenzia come a parità di alimentazione con ultraprocessati 1 persona su 120 sarebbe esposta all'insorgere di demenza precoce. I dati sono aggiornati ma resta la domanda se sia solo il consumo degli ultraprocessati a innescare l'infiammazione, e se si sia capito completamente quali sono gli alimenti definiti in questo modo.

I cibi che scatenano una infiammazione continua nel corpo: l'approfondimento

Muesli e barrette energetiche: occhio attento agli ingredienti (Shutterstock)

La quarta categoria è la più pericolosa

Qui spiegavamo come la produzione industriale di generi alimentari sia stata suddivisa in quattro grandi categorie in ordine di manipolazione. Osservata speciale è la quarta categoria, quella che comprende fra gli altri: pizze surgelate, bibite gassate e non, fast food, snack salati e dolci, zuppe pronte e cereali lavorati e zuccherati per la colazione o la merenda. Molto saporiti, soddisfacenti a palato, con effetto psicologico di "ricompensa". Ma molto dannosi per l'assorbimento intestinale e per la memoria. Gli studi precedenti erano stati effettuati su topi. Ora arrivano dati sugli umani ma resta da chiarire che anche alcuni cibi "insospettabili" sono definibili come ultraprocessati.

Da mettere nella lista

Il lato ambiguo del mercato è presentare come energizzanti, associabili allo sport e quindi alla buona salute o ad un immaginario "sano" cibi che in realtà non lo sono. Fra gli ultraprocessati ecco quindi cereali da colazione zuccherati, dolcificati e non integrali, alcuni yogurt "alla frutta", snack con muesli e barrette proteiche, alcuni tipi di pane già tagliato in busta o ancora certi latti "vegetali". Non è solo il grado di manipolazione industriale a renderli rischiosi per la memoria e l'apparato digerente, sono anche il colore e la sapidità finale ottenuti in modo artificiale. Quindi vanno fra gli ultraprocessati i cibi con glutammato monosodico, diversi emulsionanti e addensanti, alcuni coloranti artificiali e  trasformazioni di proteine e fibre come la maltodestrina e l'inulina, senza dimenticare i dolcificanti industriali come lo sciroppo di glucosio. Una serie di studi recenti e in corso li stanno individuando con sempre maggiore precisione, e restare informati aiuta a scegliere cibi più sani. Che è sempre la prima forma di cura di sé.

Vedi anche: Troppi veleni, questa è la fine dello zucchero in Europa. La sentenza

Fra gli alimenti da scegliere con attenzione, i cereali da colazione (Shutterstock)
TiscaliNews   
I più recenti
Da sinistra: Leclerc e la sua nuova vita da gelataio e alcuni rivali che hanno appena debuttato...
Da sinistra: Leclerc e la sua nuova vita da gelataio e alcuni rivali che hanno appena debuttato...
Buitoni e Nestlé, i marchi imputati che ora vanno a processo (montaggio da Shutterstock)
Buitoni e Nestlé, i marchi imputati che ora vanno a processo (montaggio da Shutterstock)
Gelato, vacanza, selfie, la combinazione perfetta per moltissime persone (Shutterstock)
Gelato, vacanza, selfie, la combinazione perfetta per moltissime persone (Shutterstock)
Benito Nonino al lavoro alla distillazione della grappa (montaggio da Facebook/Nonino e Shutterstock)
Benito Nonino al lavoro alla distillazione della grappa (montaggio da Facebook/Nonino e Shutterstock)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...