Tiscali.it
SEGUICI

Perché mangiamo gelati più piccoli e li paghiamo sempre più cari. Le ragioni dei prezzi pazzi

Speculazione? Anche, perché c'è sempre chi se ne approfitta. Ma esistono motivi oggettivi, di sistema, se le cose vanno così. E peggioreranno

di FoodCulture   
Gelato, vacanza, selfie, la combinazione perfetta per moltissime persone (Shutterstock)
Gelato, vacanza, selfie, la combinazione perfetta per moltissime persone (Shutterstock)

Oltre sei chili a testa. E' la quantità media di gelato che ogni italiano consuma durante l'anno, secondo il rapporto di Coldiretti. E dato il caldo estremo esploso da settimane, è corsa a rinfrescarsi e godersi qualcosa di buono con un nuovo boom stagionale dell'alimento più richiesto del momento. Ai più attenti non è però sfuggito un dettaglio mica da poco: i gelati stanno diventando sempre più piccoli e costano sempre di più. Così un piacere tende a "guastarsi". Ed ecco le ragioni.

La domanda di gelato è in continuo aumento, l'offerta è in difficoltà (Shutterstock)

Materie prime alle stelle

L'intenso sfruttamento di terreni e coltivazioni e il susseguirsi di eventi climatici estremi si sta ripercuotendo sulle materie prime, cioè gli ingredienti con cui vengono fatti i gelati. I dati ICCO (relativi alla borsa mondiale del cacao) mostrano che la produzione di questo bene alimentare è diminuita, specie nei Paesi che sono fra i primi fornitori mondiali, come la Costa d'Avorio. Meno offerta, più domanda, maggiori costi di produzione ed ecco la continua salita del prezzo finale.

La gioia del gelato si è rimpicciolita, ma non nel prezzo (Shutterstock)

Una tendenza che non si ferma

La raccolta del pistacchio e delle nocciole, per cui il prodotto italiano è molto richiesto, a livello europeo è coperta in larga parte dalla Turchia, e quando questa fornitura si riduce, come sta accadendo da mesi, allora ci si rivolge al prodotto nostrano il cui prezzo di impenna. Ciliegina sulla torta gelato, pure quella più piccola di un tempo e più costosa, è anche l'aumento del costo del latte. Per questo mangiamo gelati più piccoli sia in cono che in coppa o barattolo, fino alle torte più elaborate. E li paghiamo di più. Ed è una beffa, se consideriamo che parallelamente a questa crisi della produzione c'è i boom della gelateria gourmet, con creazioni sempre più esclusive e "firmate". Che fanno salire ancora di più il prezzo finale, quello che paghiamo noi. 

Leggi anche: Mille euro in un giorno per mangiare Maxibon. L'offerta di lavoro che scatena la corsa a candidarsi

di FoodCulture   
I più recenti
La vigna, destinata a cambiare, e la protesta degli agricoltori in Francia (Shutterstock)
La vigna, destinata a cambiare, e la protesta degli agricoltori in Francia (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Spezie provenienti dall'India, un mercato mondiale da 4 miliardi di euro (Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Il caffé che arriva nella nostra tazzina: cosa c'è dentro? (montaggio da Shutterstock)
Bud Spencer e Terence Hill nel film di Trinità. A destra, i Fagioli alla Bud (dal sito Bud Power)
Bud Spencer e Terence Hill nel film di Trinità. A destra, i Fagioli alla Bud (dal sito Bud Power)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...