Tiscali.it
SEGUICI

Sigep: il trionfo mondiale dell'Italia. Con un gelato che vale 5 miliardi di euro

Il grande evento del gusto a Rimini ha ospitato la Gelato World Cup, gli "azzurri" primi. Sul podio Corea del Sud e Ungheria. Perché vale così tanto? Vediamo

TiscaliNews   
Gli 'azzurri' del gelato, campioni del mondo dopo la finale a Rimini (dal Facebook della Gelato World Cup/Sigep)
Gli "azzurri" del gelato, campioni del mondo dopo la finale a Rimini (dal Facebook della Gelato World Cup/Sigep)

A ciascuno la sua coppa del mondo. Questa è dolcissima e di fattura straordinaria, tanto da essere stata assegnata dopo una fase a scontri ed eliminazioni che ha impegnato undici nazioni. Fino alla vittoria finale della nazionale italiana del gelato che ha battuto le proposte di Argentina, Brasile, Cina, Corea del Sud, Germania, Messico, Perù, Singapore, Taipei e Ungheria. Il Sigep, Salone del gelato e della pasrticceria di Rimini, ha incoronato gli "azzurri" con cinque persone in squadra e assegnato la Gelato World Cup. Del valore di 5 miliardi di euro, un'enormità. Ma non è un'esagerazione e vediamo perché.

Le prove e la vittoria

In cosa consistevano i Mondiali del gelato vinti dall'Italia, mentre sul podio sono finiti Corea del Sud e Ungheria? Nella valutazione dell'aspetto artistico delle realizzazioni, nella bontà delle materie prime, nella tecnica esibita e nel gusto finale. L'Italia del gelato l'ha spuntata sulle altre nazionali, il team era formato da Vincenzo Donnarumma di Vico Equense (siamo in zona Cannavacciuolo per intenderci), Rosario Nicodemo della gelateria Cannolo siciliano di Roma, da Filippo Valsecchi già medaglia d'argento nel 2022 al World Chocolate Master, Domenico di Clemente maestro pasticciere della Martesana a Milano, Davide Malizia, già premiato con lo Sucre d'Or e con sei titoli di miglior pasticciere del mondo. Prossimi mondiali nel 2026. Abbiamo parlato del valore di 5 miliardi di euro, perché una cifra così importante. E' presto spiegato.

Lo scenario dentro quel numero

I dati diffusi e illustrati d Assoturismo Confesercenti e Associazione Italiana Gelatieri dimostrano che un cliente su due delle gelaterie italiane, in particolare nelle città e ancora più in particolare in quelle d'arte, è straniero e turista. Il totale dei clienti annuali del comparto è di circa 18 milioni, dato che 9 certificati sono i turisti per un indotto che dà lavoro a 100mila persone distribuite in 39mila attività, con un aumento continuo di spesa per questo dolce fresco, che solo nel 2023 è cresciuta del 13%. Il valore complessivo dell'attività di gelateria in Italia è di circa 5 miliardi di euro. Ecco perché il titolo mondiale vale così tanto, è la punta dell'iceberg e il nuovo lancio di una delle eccellenze del cibo nel nostro Paese. 

Quando "sharbat" diventò sorbetto e gli antichi Romani facevano la "grattachecca": storia del gelato, leggi qui

TiscaliNews   

I più recenti

Colori e sapori tipici al carnevale di Santhia (Ansa)
Colori e sapori tipici al carnevale di Santhia (Ansa)
E' appena cominciato un anno dedicato alle esplorazioni di cibo e territorio (foto Shutterstock)
E' appena cominciato un anno dedicato alle esplorazioni di cibo e territorio (foto Shutterstock)
Il tarallo napoletano, un piccolo disco volante di assoluta goduria (Foto Shutterstock)
Il tarallo napoletano, un piccolo disco volante di assoluta goduria (Foto Shutterstock)
La preparazione di uno degli eventi a Piobbico (foto Fuoriporta)
La preparazione di uno degli eventi a Piobbico (foto Fuoriporta)

Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...