Tiscali.it
SEGUICI

Quanto pesce giapponese c'è nel sushi italiano? La paura nucleare e i dati: come stanno le cose

Iniziato lo sversamento in mare delle acque della centrale danneggiata di Fukushima, si moltiplicano sospetti e timori. Giustificati? Vediamo

di FoodCulture   
A sinistra, giornalisti internazionali davanti ai fusti di acqua radioattiva sversata in mare, a destra il sushi (montaggio Ansa e Shutterstock)
A sinistra, giornalisti internazionali davanti ai fusti di acqua radioattiva sversata in mare, a destra il sushi (montaggio Ansa e Shutterstock)

Lo sversamento controllato delle acque di raffreddamento della centrale di Fukushima, gravemente danneggiata dallo tsunami del marzo 2011, riempie le cronache di proteste e paura nucleare. Siamo davvero sicuri che tutto sia a posto? E quanto influisce su quel che mangiamo? Il dibatitto si apre in particolare a proposito del pesce e va a coinvolgere la preparazione del sushi.

Da anni ormai questa specialità della cucina orientale va fortissimo in tutte le sue varianti. Ed ecco la domanda: quanto pesce proveniente dal Giappone c'è nel sushi che mangiamo nei tanti all you can eat nel nostro Paese, e come si fa ad essere certi che sia privo di contaminazione radioattiva? 

Quanto è reale il pericolo

Stando ai dati elaborati da Istat e Coldiretti, il pesce giapponese che l'Italia importa nello scorso anno è stato pari a 123 tonnellate. Una quantità modesta se paragonata al grosso del prodotto di importazione, che viene dal Nord Africa, dalla Grecia, molti crostacei dagli Usa e dall'Australia, il merluzzo dall'Atlantico e dal Mare del Nord, altro pesce ancora dagli allevamenti turchi. Il grosso del pesce giapponese finisce nei mercati cinesi. C'è a parte il capitolo del tonno, in cui il Giappone eccelle, ma nel corso degli anni si è definitva la pratica della sua pesca nelle acque del Mediterraneo, o dell'allevamento in impianti in alto mare per poi rivendere il nostro pescato altrove, Giappone compreso. Perciò il rischio di mangiare pesce radioattivo o sushi contaminato dal trizio davvero basso. Non c'è da preoccuparsi. Occhio piuttosto ai rischi batterici di fronte al pesce mal "abbattuto".

Sindrome sgombroide e infezione da Anisakis: i pericoli legati al cattivo sushi. Leggi qui

 

di FoodCulture   
I più recenti
Daniela Zuñiga, pizzaiola cilena di 35 anni, si è aggiudicata il titolo (Ansa)
Daniela Zuñiga, pizzaiola cilena di 35 anni, si è aggiudicata il titolo (Ansa)
Pasta fuori orario per 2 giovani su 3. Ma la spaghettata di Mezzanotte resta il vero mito
Pasta fuori orario per 2 giovani su 3. Ma la spaghettata di Mezzanotte resta il vero mito
I tre chef di Desfrutar, il ristorante di Barcellona procalamato migliore del mondo (dl sito...
I tre chef di Desfrutar, il ristorante di Barcellona procalamato migliore del mondo (dl sito...
Lo chef Yannick Alléno (foto dal suo profilo Instagram)
Lo chef Yannick Alléno (foto dal suo profilo Instagram)
Le Rubriche

Cristiano Sanna Martini

In redazione a TiscaliNews dal 2000 si occupa di Attualità, Cultura è Spettacoli...

Vittorio Ferla

Vittorio Ferla, giornalista, co-fondatore di GnamGlam, associazione e magazine...

Alessandra Guigoni

Dottore di ricerca in antropologia culturale. Specializzata in culture...

Francesco Saverio Russo

Francesco Saverio Russo, wine blogger e wine educator è creatore di Wine Blog...

Manuela Vacca

Viaggiatrice e sommelier, come giornalista ha spaziato in ogni settore, inclusa...

Antonio Maria Guerra

Antonio Maria Guerra, food & wine writer, cuoco ("... che bella parola!") e...