Dal video scandalo censurato con Bowie a manager di ristoranti: la nuova vita della "China Girl"

Nel 1983 Geeling Ng, modella e poi attrice neozelandese di origini orientali, divenne una star grazie al brano del divo pop scomparso. Poi la svolta

A sinistra e a destra, immagini dal video di 'China Girl'. Al centro, Geeling Ng oggi Ching nella foto di uno dei suoi seminari di management nella ristorazione
A sinistra e a destra, immagini dal video di "China Girl". Al centro, Geeling Ng oggi Ching nella foto di uno dei suoi seminari di management nella ristorazione

All'epoca quel videoclip durò qualche settimana, poi fu ritirato, censurato, rimontato e riproposto al pubblico. Il che non impedì il successo mondiale di China Girl, una delle grandi hit di David Bowie. Nel video il finale ritraeva il divo pop completamente nudo e intento a fare l'amore su una spiaggia esotica con la ragazza cinese di cui canta nel brano. Troppo anche per i libertini anni Ottanta. Quella ragazza orientale è Geeling Ng, che ha preso poi il cognome Ching. Allora aveva 23 anni, oggi ne ha 58 e vive la sua terza vita. La prima è stata quella di modella e indossatrice neozelandese nata da famiglia orientale, la seconda, di icona pop e sex symbol esotico per breve tempo legata sentimentalmente allo stesso Bowie. Oggi è una manager nel settore della ristorazione e dell'accoglienza turistica.

Il tempo non sembra passare

Geeling Ng-Ching è diventata una celebrità della ristorazione. Nel suo Paese, la Nuova Zelanda, è una professionista della prima apertura, dell'allestimento e dell'accoglienza di qualità dei clienti di bistrot, lounge bar e ristoranti. Dal Soul Bar & Bistrot, celebre a livello internazionale, nel Viaduct di Auckland fino al cosmopolita Cin Cin. E' ancora una donna affascinante e ha tutta la sua bellezza esotica che stregò Bowie e il pubblico mondiale che la vide nel videoclip di China Girl. Il suo primo incarico nella ristorazione lo ha avuto nel 1990, appena sette anni dopo l'exploit e la relazione con Bowie, e dopo diverse esperienze come attrice e presentatrice tv. L'imprenditrice Judith Tabron stava aprendo un ristorante che poi si sarebbe rivelato di successo, il Ramses. "Le dissero, punta sulla China Girl se vuoi partire con glamour e avere subito risonanza - ha raccontato Geeling nello speciale Women's Weekly del magazine Now To Love - ed è stato così che ho cominciato". Nel mentre lavorava allo show tv Asia Downunder curando la parte dedicata alla cucina.

La giovinezza folle e innocente, lo scandalo con Bowie

Geeling Ng, oggi Ching, ha raccontato più volte dell'incontro che le ha cambiato la vita. Lo fa con piacere e orgoglio, "mi da solo fastidio quando i miei coetanei, cioè i ventenni che mi videro nel video di Bowie all'epoca, mi considerano solo un oggetto sexy". Ma per il resto, come ribadito anche in interviste al Guardian e al Daily Mail: "E' stato incredibile incontrare Bowie. Emanava magnetismo, era difficile stare con lui e non sentirne il fascino. A dirla tutta, ero una specie di groupie". I due stettero assieme per breve tempo, inseguiti e fotografati. Bowie amava l'Australia e la Nuova Zelanda e ci tornò nel tempo libero. Prima di tutto questo, Geeling era una studentessa "pigra, più attratta dall'estetica e dalla moda" che fu notata e ingaggiata come modella. E una ragazza "freak e naive" che faceva la datrice luci per la band musicale di un suo fidanzato, vivendo in un appartamento occupato fra sesso e molte droghe, "marijuana sì ma eroina e cocaina no, ero già abbastanza bizzarra di mio per andare malamente fuori di testa con le sostanze e diventare paranoica". Niente figli: "Ho capito fin da giovane che non sarei stata adatta a prendermi la responsabilità di un altro essere umano, piccolo e indifeso". E un presente da manager della ristorazione e della cultura (dirige l'Asb Waterfront Theatre di Auckland) che degli anni dello scandalo e della grande fama condivisi con Bowie ha un ricordo meraviglioso: "Lo ringrazierò sempre per quello che mi ha dato. Speravo di rivederlo dalle mie parti in tour, ma non ce l'ha fatta. La sua scomparsa mi ha rattristato".